Informazione medico scientifica
 

PROGRAMMI DI RIABILITAZIONE MOTORIA PER BAMBINI CON CARDIOPATIA CONGENITA – UNA STRATEGIA INTEGRATA PER MIGLIORARE LA QUALITÀ DELLA VITA
Istituto di Psicologia, Università di Colonia, Germania
Istituto di Cardiologia e di Medicina sportiva, Università dello Sport di Colonia
Istituto di Riabilitazione, Università dello Sport di Colonia
Dipartimento di Cardiologia pediatrica dell'Università di Colonia.

 
Introduzione. I bambini con cardiopatia congenita sono spesso eccessivamente limitati nelle attività fisiche. Le ragioni possono essere l'iperprotezione o la mancanza di informazione da parte di genitori, educatori e insegnanti. Ciò può condurre a un circolo vizioso di limitazione motoria costante che è causa di progressivo deficit motorio o di problemi psicologici come isolamento sociale e scarsa autostima. Nei primi anni novanta furono creati gruppi per esercizio fisico rivolti a bambini con cardiopatia congenita per controbilanciare questi effetti negativi. Ci sono ora circa 20 gruppi del genere in Germania. Solo alcuni di questi sono stati valutati scientificamente. Usando dati dettagliati raccolti a Colonia dal 1994, abbiamo tentato di valutare fino a che grado lo sviluppo motorio e psicologico è migliorato con la frequenza di tali gruppi.
Materiali e metodo. Tra il 1994 e il 1999 sei gruppi di bambini hanno partecipato ad un programma di esercizi motori per 8 mesi, per 1,5 ore settimanali. Il programma fu adattato alla particolare condizione cardiaca di tali bambini includendo soprattutto attività sportive con speciale insistenza sulla coordinazione motoria e richiesta minima di sistema cardiocircolatorio. Il campione era composto da 76 bambini tra i 4 e i 14 anni (fase 1, 1994-96: 38 bambini, 7-14 anni; fase, 1997-99; 38 bambini, 4-8 anni). Tests psicologici e motori sono stati eseguiti prima e dopo il programma.
 
Risultati. C'è stato un miglioramento significativo nella coordinazione motoria dei bambini in età scolare della fase 1, molti dei quali erano all'inizio deficitari sotto tale aspetto. Inoltre essi hanno migliorato la loro velocità di percezione. Per più di un terzo dei bambini, la fiducia in se stessi e l'ansietà riguardo agli sport si sono modificate da punteggi molto bassi o molto alti nei tests iniziali a punteggi medi nei tests finali - risultato favorevole perché prossimo alla normalità. Più di un terzo dei bambini ha migliorato la socializzazione con i coetanei. I bambini in età prescolare (fase 2) hanno mostrato inizialmente deficit minori in campo psicologico e motorio dei bambini in età scolare. Gli effetti positivi del programma sono stati di conseguenza meno evidenti. Tuttavia hanno migliorato la loro velocità percettiva e acquistato un più grande numero di amici.
 
Conclusioni. I bambini in età scolare spesso presentano deficit psicologici e motori significativi che possono essere ridotti da un programma di allenamento psicomotorio. I bambini in età prescolare hanno spesso difficoltà meno evidenti. Tuttavia la partecipazione a un programma di allenamento psicomotorio può prevenire lo viluppo del deficit e aiutare tali bambini a raggiungere un livello adeguato all'età. I bambini con cardiopatia congenita dovrebbero il più presto possibile avere l'opportunità di partecipare a questo tipo di allenamento, al fine di migliorare la loro qualità di vita.

<< indietro