Informazione medico scientifica
 

Qualità della vita in bambini con cardiopatie congenite

Krol Y., Grootenhius M.A., Destre-Vonk A., Lubbers L.J., Koopman H.M. & Last B.F.
Emma Children's Hospital/Accademy Medical Centre, University of Amsterdam, Holland.

La qualità della vita in relazione alla salute in bambini con cardiopatia congenita (CHD) è stata paragonata a quella di bambini sani. In aggiunta sono state valutate le differenze nella qualità della vita in rapporto alla gravità della cardiopatia stessa. 100 bambini con CHD tra gli 8 e i 18 anni e i loro genitori sono stati sottoposti ad un'indagine sulla qualità della vita. Secondo l'autovalutazione dei bambini e quella dei loro genitori, la qualità della vita è stata negativamente influenzata a vari livelli. Le diversità sono lievi, ma rilevanti dal punto di vista clinico. I bambini hanno riferito un ridotto funzionamento motorio e una minor autonomia in rapporto con bambini sani. I genitori di bambini con CHD riferiscono che i figli hanno una qualità di vita inferiore nei campi del dolore e dei sintomi, del funzionamento motorio, dell'autonomia e del funzionamento cognitivo. La qualità della vita in bambini con cardiopatie congenite non pare essere influenzata dalla gravità della patologia. In conclusione, senza tener conto della gravità della malattia, i bambini con CHD sentono che la loro qualità di vita è inferiore a quella dei bambini sani. Ciò significa che l'impatto emozionale dei problemi è maggiore in bambini con CHD che in bambini sani. E' quindi importante per i medici interessarsi presso i bambini e i loro genitori circa il loro stato emotivo. In tal modo si possono identificare e aiutare preventivamente i bambini a rischio da tale punto di vista.

<< indietro