Dotto di Botallo pervio

Il Dotto di Botallo o dotto arterioso è un'arteria che nel feto normale porta sangue dall'arteria polmonare in aorta.

Vena Cava Superiore
Aorta
Vene PolmonariVene Polmonari
Arteria Polmonare
Atrio Sinistro
Atrio Destro
Ventricolo Sinistro
Ventricolo Destro
Vena Cava Inferiore

Legenda

-Fig. 4.3
Pervietà del dotto arterioso (di Botallo).
La freccia indica il dotto e la direzione dello shunt-.

Alla nascita, quando i polmoni iniziano a respirare, il dotto si chiude spontaneamente nel giro di alcune ore. In alcuni casi esso può rimanere aperto e ciò causa un passaggio di sangue dall'aorta (dove la pressione del sangue dopo la nascita è più alta) in arteria polmonare. I dotti di grandi dimensioni possono dare gli stessi sintomi di un grosso DIV.
La maggioranza comunque non è di grosse dimensioni e quindi è ben tollerata.

La necessità di chiudere il dotto arterioso pervio dipende non solo dal fatto che il continuo passaggio di sangue dall'aorta all'arteria polmonare determina un sovraccarico di lavoro per il cuore, ma anche dal fatto che il dotto pervio può essere sede di infezioni e può, negli anni, dilatarsi, diventare un aneurisma e rompersi.

L'intervento chirurgico di chiusura del dotto arterioso pervio è un intervento extracardiaco, quindi non a cuore aperto e senza necessità di circolazione extracorporea.

Esso consiste nel legare e sezionare il dotto. Attualmente comunque la grande maggioranza di dotti arteriosi pervi viene chiusa in maniera non chirurgica, e con risultati eccellenti per mezzo di dispositivi rilasciabili tramite catetere.

Tra questi le spirali a distacco controllato sono quelli più adoperati per la loro efficacia, facilità d'uso e sicurezza per il paziente.

Queste spirali, una volta posizionate nel dotto tramite un catetere, producono la formazione di un coagulo, che sviluppandosi intorno alla spirale, produce la chiusura del dotto (fig. 4.5)


Recentemente si Ŕ cominciato ad utilizzare anche un nuovo dispositivo (Amplatzer Duct Occluder II) la cui particolare forma garantisce una elevata efficacia e sicurezza dopo il rilascio anche per i dotti di maggior calibro.


<< indietro