Forum Utenti - Associazione Bambino Cardiopatico

Mittente: Mina
Argomento: Cuore sinistro ipoplasico
Messaggio: Ciao Giovanni, come vedi ti riscrivo dopo un anno all'incirca... Vorrei raccontarti come è finita ... e vorrei che scrivessi la mia storia sul sito perchè molti stanno percorrendo la mia strada, ed è giusto che abbiano delle informazioni aggiornate. Alessandro, mio figlio, è nato il 3 marzo scorso al Gaslini di Genova, dopo un paio di giorni ha subito il grande intervento al cuore, Norwood, ed è vissuto soltanto 28 giorni, che a parere dei medici è già tanto. L'intervento in sè è andato bene ma, la difficoltà del 'cuore a metà' consiste nel bilanciare bene le pressioni sanguigne della grande e piccola circolazione, i medici e tutti gli addetti e soprattutto Alessandro stesso, hanno fatto di tutto ma chi doveva o poteva farci qualcosa era qualcuno più grande di tutti noi. Ad ogni modo, lungo la mia permanenza a Genova incontrai un'altra ragazza che aveva un bimbo col cuore sinistro ipoplasico etc ..., aveva subito il primo intervento a ottobre 2007 e a febbraio 2008 era lì di nuovo per il secondo .. è vissuto .... ho seguito da lontano la sua storia, e so che sta bene, certo da cardiopatico e con chissà quanti altri interventi da subire ma è vivo. Se una mamma fa l'aborto, non saprà mai come andrà a finire e se porta avanti la gravidanza, non saprà mai come andrà a finire, prima o poi, ma sarà certa di aver fatto tutto il possibile. Neanche quest'ultima mamma sa come andrà la vita per suo figlio, non conosce il suo futuro, certo le rimane la speranza e la fede, e qualcuno per cui lottare, ma non siamo certo noi che muoviamo i fili del teatrino della vita, chissà, ci sarà un disegno per tutti noi ma non ne siamo consapevoli. Ho rivisto il cardiochirurgo a settembre e gli ho chiesto se avesse eseguito altri interventi dello stesso tipo e come fossero andati, mi ha risposto che ne aveva eseguiti altri tre, due dei quali insuccessi del post- operatorio e il terzo dopo tre mesi circa dall'intervento.... Mi ha pregato di non fare domande, di andare avanti e voltare pagina, bè concordo ma, il mio angelo sarà sempre una parte di me che nessuno potrà mai raggiungere ... sono percorsi obbligati e inspiegabili al momento, un giorno forse capiremo di più. Ho già un figlio di 6 anni ed è per lui che maggiormente mi sono rattristata, lo aspettava con gioia e poi nulla più, pazienza... Comunque a Genova mi sono trovata bene, ho ponderato bene la decisione in merito al centro da contattare e solo dopo aver avuto i pareri di Genova, Roma e Bologna, ho scelto. I tre centri avevano gli stessi numeri, successi e insuccessi, notorietà e bravura dei cardiochirurghi e soprattutto ottime sale intensive e di rianimazione. Quindi, solo per motivi personali, alla fine ho scelto Genova, dove effettivamente ho trovato gente cordiale e preparata, umana e competente al tempo stesso, ma non ancora attrezzata per questo tipo di miracolo... Pensa che hanno salvato una bimba prematura di appena 350 grammi! Ci pensi? Ecco, per questi miracoli sono all'avanguardia, ma mezzo cuore, solo Dio lo sistema! Ad ogni modo se vuoi altre info. da inserire nel sito, chiedi pure, sarò lieta di inviarteli. Scusa lo sfogo, ti abbraccio e ti ringrazio per avermi scritto, all'inizio dei tempi, mi hai dato forza e coraggio, abbi cura di te grazie ancora, Mina

Rispondi al messaggio... Nuovo messaggio... Indice