Ritorno venoso anomalo polmonare totale

E' una malformazione rara in cui le vene polmonari invece di connettersi con l'atrio sinistro si raccolgono in un'unica vena polmonare comune che si connette o alla vena cava superiore (varietà sopracardiaca) o all'atrio destro (varietà cardiaca) o alla vena cava inferiore (varietà infracardiaca o sottodiaframmatica.


- Ritorno venoso anomalo polmonare totale. A. VarietÓ sopracardiaca: le vene polmonari (VP) si raccolgono in un'unica vena verticale che porta il sangue venoso polmonare in vena cava superiore e quindi in atrio destro. B. VarietÓ cardiaca: le vene polmonari sboccano nel seno coronarico (SC) e di qui in atrio destro. C. VarietÓ infracardiaca o sopradiaframmatica: le vene polmonari si raccolgono in un1unico vaso che sbocca nella vena cava inferiore-


La conseguenza di questa malformazione è che il sangue ossigenato dai polmoni ritorna alla parte destra del cuore e viene rinviato in gran parte ai polmoni. E' sempre presente una comunicazione interatriale attraverso la quale una parte di sangue passa dall'atrio destro all'atrio sinistro e viene poi inviato dal ventricolo sinistro in aorta.

A volte, specialmente nel ritorno venoso anomalo polmonare totale sottodiaframmatico, la vena polmonare comune presenta un restringimento nel punto in cui si connette con la vena cava inferiore. In questi casi si parla di ritorno venoso anomalo polmonare totale ostruito. I neonati con questa forma sono gravemente sintomatici fin dai primi giorni di vita, mentre i neonati con la forma non ostruita possono presentare pochi sintomi per i primi mesi di vita. L'intervento riparativo deve essere eseguito appena la diagnosi è fatta: è un intervento relativamente semplice e consiste nel collegare la vena polmonare comune all'atrio sinistro e di ottenere quindi una circolazione normale. I risultati di questo intervento sono ottimi.

<< indietro